Archivi tag: Scuola

UN ASSESSORE “UNO E TRINO”?

L’assessore Massimo Venturi

Assessore all’Istruzione del Comune di Vignola, rappresentante dei genitori nel consiglio d’istituto della scuola secondaria di primo grado “L.A. Muratori”, titolare di un’azienda privata: sono questi i ruoli ricoperti contemporaneamente dall’assessore Massimo Venturi e palesatisi, senza alcun imbarazzo da parte dello stesso, durante l’iniziativa “Orientamento, non solo scuola”, un incontro pubblico con imprenditori locali e associazioni di categoria, dedicato alle famiglie e agli studenti delle classi III della scuola media di Vignola, organizzato lo scorso 13 dicembre dall’Amministrazione comunale.

Un Venturi uno e trino (complice, forse, il clima natalizio): che promuove e presenta l’iniziativa, in qualità di responsabile all’istruzione nella Giunta Pelloni; che aderisce e assiste all’incontro, come genitore rappresentante del consiglio d’istituto; e che partecipa al dibattito, quale titolare di un’azienda privata chiamata a presentare il proprio ambito d’attività, la Pulsar Industry s.r.l di Spilamberto. Denunciamo con forza l’inopportunità della situazione, di cui purtroppo lo stesso Venturi non sembra rendersene conto: interpellato in Consiglio comunale sulla questione, l’assessore non è riuscito a fare altro che rivendicare il presunto valore aggiunto dato dal suo ruolo, che ha consentito di “sfruttare le sue conoscenze” (sic).

Spiace la totale mancanza di senso istituzionale dell’assessore, così come rincresce il fallimento completo dell’iniziativa, che ha avuto un esito deludente, avendo visto la partecipazione di una decina di persone adulte e di una sola ragazza di età scolare adeguata. D’altra parte, non sono stati coinvolti né invitati a partecipare gli istituti e i licei del Polo scolastico vignolese, né i dirigenti scolastici, né i docenti referenti per l’orientamento in entrata e in uscita, né tantomeno gli studenti che attualmente frequentano o coloro che hanno trovato sbocchi occupazionali grazie all’ampia offerta formativa disponibile su Vignola: una mancanza, quella del mondo della scuola e di tutte le sue componenti, che quotidianamente collaborano per intercettare istanze e creare “competenze in termini di sapere e di saper fare”, che ha pesato gravemente sull’andamento e sulla riuscita della serata.

Sarebbe importantissimo riuscire a creare una sinergia positiva tra scuola e Amministrazione locale per poter mettere in campo un orientamento serio ed efficace: se queste sono le premesse, non c’è da stare sereni.

Ancora niente Consiglio sulla e con la scuola?

“Sollecito l’Amministrazione a mostrare maggiore attenzione e sensibilità nei confronti della comunità scolastica di Vignola e a adoperarsi quanto prima per ristabilire la “buona prassi” del Consiglio comunale straordinario in occasione dell’avvio dell’anno scolastico”: lo chiede la consigliera comunale del Pd di Vignola Antonia Zagnoni con una interpellanza, ripresa anche dalla stampa domenica. Ecco la sua dichiarazione completa: 

Negli anni passati, era tradizione nel mese di ottobre convocare un Consiglio comunale per l’avvio dell’anno scolastico, con la partecipazione non solo del sindaco, degli assessori e dei consiglieri, ma anche dei rappresentanti delle istituzioni scolastiche – dirigenti e presidenti dei consigli d’istituto, oltre naturalmente ai genitori – che, ognuno per le proprie competenze, vivevano un momento di confronto con l’Amministrazione comunale su quelle che sarebbero state le politiche scolastiche per il nostro territorio nei successivi mesi. Si trattava di un appuntamento estremamente importante, poiché rappresentava un punto di condivisione degli obiettivi strategici contenuti nel Piano dell’offerta formativa.

Con grande disappunto ho constatato che non è ancora stata prevista la convocazione di questo “speciale” consiglio, dopo che già l’anno scorso non aveva avuto luogo, e ho quindi presentato un’interpellanza alla Giunta per avere chiarimenti in merito, e sapere le ragioni che li hanno indotti a rinunciare a questo significativo momento di confronto e se eventualmente hanno intenzione di ripristinarne lo svolgimento. Le risposte fornite, rispettivamente, dal sindaco e dall’assessore all’istruzione lasciano francamente basiti, oltre a essere in contraddizione tra loro: da un lato Pelloni afferma che non ci sono problemi a convocare un Consiglio comunale per l’avvio dell’anno scolastico, “se vogliamo” (come se dipendesse da un capriccio delle minoranze); dall’altro Venturi ricorda che adesso non è possibile, in quanto la scuola è appena iniziata, il personale è oberato, i dirigenti sono solo reggenti (come se le stesse problematiche non ci fossero anche gli anni passati, e inoltre le istanze possono e devono essere portate avanti a prescindere dalle difficoltà oggettive o dal fatto che uno sia reggente o meno).

Sollecito quindi l’Amministrazione a mostrare maggiore attenzione e sensibilità nei confronti della comunità scolastica di Vignola, e a adoperarsi quanto prima per ristabilire questa “buona prassi”, in grado di far percepire come meno distanti tutti coloro che per professione, dovere o come fruitori di un servizio essenziale, condividono l’ambiente della scuola. Essa non ha bisogni di pacche sulle spalle, ma di una progettualità condivisa da tutti i soggetti, istituzionali e meno, in grado di aiutarla a svolgere al meglio il suo compito in quest’epoca di cambiamenti profondi e radicali.

Scuola, Ghizzoni: “Emendamento contro taglio al diritto allo studio”.

da www.pdmodena.it

La parlamentare Pd propone di trovare i fondi necessari nel cosiddetto “Fondo Catricalà”.

La presidente della Commissione Istruzione della Camera dei deputati Manuela Ghizzoni, relatrice della Legge di stabilità, ha presentato un emendamento per impegnare il Governo ad attingere al cosiddetto “Fondo Catricalà” per trovare risorse da destinare alle università e al diritto allo studio, in modo da garantire a tutti pari opportunità di accesso all’istruzione.

Vai all’articolo.

Odg: ”ANNO SCOLASTICO 2012/2013; PIU’ CLASSI E MENO DOCENTI NELL’ORGANICO DI DIRITTO IN EMILIA ROMAGNA”

ORDINE DEL GIORNO PERVENUTO DAI CAPIGRUPPO “PARTITO DEMOCRATICO” RABITTI MAURIZIA E “ITALIA DEI VALORI CON DI PIETRO” SANTUNIONE MARCO AD OGGETTO: ”ANNO SCOLASTICO 2012/2013; PIU’ CLASSI E MENO DOCENTI NELL’ORGANICO DI DIRITTO IN EMILIA ROMAGNA” APPROVATO CON CC. N. 47 DEL 31.7.2012

Testo Ordine del Giorno.