Due proposte per migliorare il porta a porta

Il Gruppo consiliare del Partito Democratico ha presentato una specifica mozione per cercare di migliorare il servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta, che partirà a luglio: modello che presenta alcune rigidità, che possono comprometterne il buon esito.

Come è noto, il prossimo mese di luglio anche Vignola, dopo Spilamberto, avvierà gradualmente il nuovo sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti. Il gruppo consiliare del Partito Democratico ha già espresso a suo tempo le proprie perplessità per il modo e i tempi con cui è stato gestito questo passaggio fondamentale nelle abitudini di vita dei cittadini vignolesi (leggi qui). Ora, però, è necessario fare quanto possibile per mettere in sicurezza il progetto, ed evitare che le inevitabili resistenze possano comprometterne il buon esito.

Per questo abbiamo presentato una mozione da discutere nel prossimo consiglio comunale, con cui invitiamo la giunta a integrare nel progetto di raccolta “porta a porta” ogni soluzione tecnica e gestionale che possa rendere maggiormente flessibile ed elastico il conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini, parallelamente e non alternativamente alla modalità standard di raccolta domiciliare.

Nello specifico, avanziamo due proposte concrete, da valutare insieme al gestore: per prima cosa, chiediamo un potenziamento dell’attuale stazione ecologica di Vignola, con ampliamento degli orari di apertura e raddoppio degli ingressi; poi, sulla scorta delle esperienze maturate in altri comuni, in particolare Parma, dove già da diversi anni è presente un sistema di raccolta integrale “porta a porta”, chiediamo all’amministrazione di valutare l’introduzione di una o più Ecostation, ovvero eco punti fissi di conferimento dei rifiuti a servizio di tutte le utenze, sia domestiche sia non domestiche: si tratta di un ausilio fondamentale per un coerente sviluppo del sistema di raccolta differenziata, che va incontro alle esigenze dei cittadini che si trovino in difficoltà a conferire i rifiuti secondo il normale calendario per le esigenze più svariate (ferie, week-end, pendolari, turnisti, etc).

Due soluzioni concrete, che pensiamo possano rendere più elastico il modello e aiutare i cittadini a vivere questo cambiamento in maniera meno traumatica.

Qui è possibile leggere il testo della mozione:

mozione agevolazione porta a porta_12062018

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *