Elezioni 2018: i risultati a Vignola

Le elezioni politiche di domenica 4 marzo 2018 a Vignola hanno visto una buona partecipazione al voto da parte degli elettori: alla Camera si sono infatti recati ai seggi 13.861 votanti su 17.520 elettori, pari al 79,12%, mentre al Senato hanno votato 12. 877 elettori su 16.248 aventi diritto, pari al 79,25%: si tratta di un dato in linea con quello regionale, sebbene in calo rispetto al 2013.

Venendo ai risultati degli scrutini, alla Camera il Partito Democratico raccoglie 3.723 voti, pari al 28,43% dei consensi (nel 2013 erano stati 5.561 voti, il 39,36%), il Movimento 5 stelle 3.555, pari al 27,14% (nel 2013 furono 3.283, il 23,24%), la Lega 2.890, pari al 22,07% (nel 2013 furono 433, ovvero il 3,06%).

Al Senato, il Partito Democratico consegue 3.429 voti, pari al 28,15 % (nel 2013 furono 5.490, il 41,75%), il Movimento 5 stelle 3.233, il 26,54% (nel 2013 furono 2.821, il 21,45%), mentre la Lega raccoglie 2.731 suffragi, pari al 22,42% (nel 2013 furono 419, ovvero il 3,19%).

Uscendo per un attimo da Vignola, e analizzando i collegi uninominali (novità di questa tornata elettorale), al Senato Edoardo Patriarca, candidato della coalizione di centrosinistra, ottiene 85.533 schede (il 31,80%) e ce la fa per soli 46 voti sul rivale Stefano Corti della coalizione di centrodestra (che si ferma a 85.487).

Alla Camera, invece, il candidato di centrosinistra, Claudio De Vincenti, perde purtroppo contro la concorrente del centrodestra, Benedetta Fiorini (47.786 voti contro 57.240).

Per tutti i risultati di Vignola, è possibile visitare il sito del comune o il portale Eligendo del Ministero dell’interno.

 

Un pensiero su “Elezioni 2018: i risultati a Vignola

  1. LINA RIGHETTI

    Volevo comunicarvi che io “STO CON IL SEGRETARIO” non esiste che dopo tutto quello che hanno detto in campagna elettorale del PD, il partito debba essere la stampella dei 5s. Il partito, a mio avviso e di tante persone che anche se non iscritte hanno votato PD, deve stare all’opposizione UNA SANA OPPOSIZIONE PER RIGENERARSI. Lunedì alla Direzione del PD sfdiducino Matteo Renzi, poi vediamo quanti li seguiranno. SONO PIETRIFICATA da quello che ha detto ieri sera alla 7 (sotto l’occhio vigile e consenziente DEL GRANDE FRATELLO-TRAVAGLIO) Scalfari e da quello che detto ieri grillo. Dovete fare come la SPD tedesca un bel referendum con gli iscritti, noi dobbiamo decidere se vogliamo sostenere un accordo con i 5s. Non penso non vi passi per la testa che i 5s ci vogliono “MANGIARE”. Se appoggerete i 5s senza consultare la base,passerò in sezione per restituirvi la tessera. Cordiali saluti Lina Righetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *