Archivi autore: Enrico Bazzani

Smeraldi rassegni immediatamente le dimissioni

Il Direttivo del Pd di Vignola ha discusso la questione la sera di giovedì 26 Gennaio. Ecco la posizione del Pd di Vignola sulla crisi della maggioranza che sostiene il sindaco Smeraldi:

Il Direttivo del Pd di Vignola si è riunito in data 26 gennaio per discutere della situazione politica della città dopo le dimissioni del vice-sindaco Pelloni. La crisi della compagine che sostiene la Giunta Smeraldi è la riprova che il progetto politico e amministrativo dell’attuale maggioranza è fallito. Il Pd, da subito, aveva denunciato che una maggioranza così eterogenea non avrebbe potuto reggere l’impatto del governo quotidiano della città. Pur avendo sempre agito con responsabilità e nell’interesse della collettività vignolese, il Partito democratico chiede ora al sindaco di prendere atto della situazione che la sua stessa maggioranza ha determinato e, in coerenza, di rassegnare le sue dimissioni con effetto immediato.

La Sanità nell’Unione Terre di Castelli: dall’Ospedale al Territorio

Si terrà mercoledì 1° febbraio, a Vignola, un incontro pubblico sui temi della sanità locale organizzato dal Pd della città e da quello della zona Terre di Castelli. Parteciperanno il direttore generale dell’Ausl Annicchiarico, il presidente della Provincia Gian Carlo Muzzarelli, la vice-presidente dell’Unione Terre di Castelli Emilia Muratori e la consigliera regionale Luciana Serri. Appuntamento presso la sala consiliare del Municipio alle ore 20.30.

La sanità nell’Unione Terre di Castelli, dall’ospedale al territorio”: è questo il tema, di grande rilevanza per tutto l’area dell’Unione, che verrà affrontato, mercoledì della prossima settimana, nel corso di un incontro pubblico organizzato dal Pd di Vignola e dal Pd della zona Terre di Castelli. Intervengono il direttore generale dell’Ausl di Modena Massimo Annicchiarico, il presidente della Provincia di Modena e co-presidente della Conferenza territoriale socio-sanitaria Gian Carlo Muzzarelli, la vice-presidente dell’Unione Terre di Castelli Emilia Muratori e la consigliera regionale del Pd Luciana Serri. Introduce i lavori il coordinatore di zona Pd Davide Pisciotta e coordina il segretario del Circolo Pd di Vignola Federico Clò. L’appuntamento è, quindi, per mercoledì 1° febbraio, a Vignola, presso la sala consiliare del Municipio. Inizio fissato per le ore 20.30.

Frattura insanabile in Giunta? Smeraldi chiarisca


Il segretario del Pd di Vignola Federico Clò interviene dopo le pesanti dichiarazioni del vicesindaco leghista Pelloni a un quotidiano locale che evidenziano una frattura all’interno della Giunta Smeraldi:

Il vicesindaco di Vignola Pelloni non è nuovo a dichiarazioni di questo tipo, poi, ogni volta, fatte rientrate, in maniera più o meno stabile. Dalla nuova intervista rilasciata a un quotidiano locale, però, sembrerebbe che, ora, tutte le contraddizioni che hanno, fin da subito, contraddistinto la eterogenea maggioranza che sostiene la Giunta Smeraldi siano arrivate alla definitiva implosione. Dalle parole di Pelloni sembra emergere l’idea di una frattura insanabile nella maggioranza civica. A questo punto crediamo che il sindaco Smeraldi non possa più esimersi dallo spiegare ai suoi concittadini e al Consiglio comunale (che è il luogo deputato alla pratica democratica), in maniera chiara e inequivocabile, come stanno davvero le cose; se questa Amministrazione è ancora in grado di procedere nel lavoro di governo della comunità vignolese, come aveva ampiamente promesso e garantito agli elettori sia in campagna elettorale che nel prosieguo, o se i difficili equilibrismi interni l’hanno definitivamente affondata. La comunità vignolese merita certezze, stabilità di governo, non ripicche politiche messe in scena sui media locali

Ciclabili ghiacciate: più attenzione per l’ordinaria manutenzione

Il periodo invernale è sempre un banco di prova importante per l’efficienza e la prontezza dell’amministrazione comunale: l’ultima nevicata degna di nota, nel febbraio 2015, aveva dimostrato come la giunta fosse completamente impreparata, tanto che non seppe dire nulla riguardo l’apertura delle scuole, con autobus e genitori che accompagnarono i ragazzi per poi trovarle chiuse.
Il freddo di questi giorni, anche se non accompagnato da neve, ha ghiacciato strade e piste ciclabili; in particolare ci è stato segnalato dai cittadini come la ciclabile che collega l’autostazione all’Istituto di agraria presenti ampie lastre di ghiaccio sulle quali gli studenti sono già caduti pericolosamente più volte.
Crediamo che la zona del Bettolino, e in particolare il percorso che collega la stazione degli autobus alle scuole, debba essere mantenuto in uno stato degno, tale da non creare pericoli per gli studenti ed i passanti.­
Invitiamo la Giunta, in questo periodo impegnata a fantasticare su ipotetici progetti di bike sharing, a non ignorare l’ordinaria amministrazione di strade e piste ciclabili, specialmente quando i disagi sono facilmente prevedibili.

Linea elettrica Nuova Zocca: solo oneri senza alcun beneficio

“Comprendiamo la difficoltà di una concertazione che vede Vignola in una posizione certo non di forza, ma gli oneri di cui dovrà farsi carico il Comune – compresi quelli ambientali – sono ingenti, e senza alcuna compensazione nell’immediato. Inoltre, non capiamo come mai la maggioranza civica ora al governo della città, in passato più vole critica nei confronti di Hera e delle sue società, in questo caso si sia mostrata così accomodante”. Così il Partito democratico di Vignola dopo il parere favorevole dell’Amministrazione comunale alla realizzazione della nuova linea elettrica “Nuova Zocca” fra i territori di Vignola e Marano sul Panaro. Di seguito la dichiarazione:

La valutazione positiva che avevamo formulato a settembre, quando il Consiglio comunale aveva dato mandato all’Amministrazione di esprimere un parere favorevole, in Conferenza dei servizi, per la realizzazione della nuova linea elettrica, era subordinata ad una serie di condizioni oggi del tutto disattese. Considerando la particolare zona in cui è previsto l’intervento, la collina di Campiglio, una delle aree di maggior pregio da un punto di vista ambientale e paesaggistico di Vignola, non possiamo che esprimere quindi il nostro disappunto. L’unico vantaggio che l’Amministrazione è riuscita a strappare è stata la compartecipazione di Inrete alla riqualificazione, in futuro, dell’area di via del Monte Rangone, se e quando il Comune deciderà di procedere. Nulla invece è stato ottenuto per quanto riguarda la richiesta di interrare la linea esistente contemporaneamente alla realizzazione di quella nuova, sempre nel tratto di via del Monte Rangone, così come di utilizzare i sostegni già presenti nel tratto che scende lungo il declivio della collina, fino alla frazione di Tavernelle, o ancora di ridurre il più possibile, sempre nella stessa area, la fascia di rispetto soggetta a potatura della vegetazione o di ripristinare la macchia paesaggistica. La controparte ha respinto quasi tutte queste richieste, sia per motivi tecnici sia per ragioni economiche. Prendiamo atto delle difficoltà tecniche riscontrate dalla società nel venire incontro alle richieste dell’amministrazione, così come capiamo l’interesse pubblico sotteso a questo intervento, ma come Pd non possiamo che ritenere questo nuovo accordo poco vantaggioso per il Comune e la collettività di Vignola. Per questo esprimiamo una valutazione negativa dell’operazione: comprendiamo la difficoltà di una concertazione che vede Vignola in una posizione certo non di forza, ma gli oneri di cui dovrà farsi carico il comune – compresi quelli ambientali – sono ingenti, e senza alcuna compensazione nell’immediato. Inoltre, non capiamo come mai la maggioranza civica ora al governo della città, in passato più vole critica nei confronti di Hera e delle sue società, in questo caso si sia mostrata così accomodante. A questo punto, chiediamo all’Amministrazione, che ha deciso in ogni caso di concedere parere favorevole al progetto, di verificare attentamente l’impatto in termini ambientali e paesaggistici dell’intervento, e di informare al termine dei lavori il consiglio e la cittadinanza sul risultato

Solidarietà a Renzo Catucci

Nel corso del Consiglio Comunale svoltosi il 27 Dicembre il Partito Democratico ha espresso vicinanza al consigliere comunale di Sassuolo Renzo Catucci, la nota del Segretario del PDVignola Federico Clò letta prima dello svolgimento dei lavori del Consiglio:

Intervengo questa sera per esprimere vicinanza e solidarietà al consigliere comunale di Sassuolo Renzo Catucci, vittima di un gesto vandalico ai danni della propria autovettura su cui sono stati incisi una svastica e la scritta “ebreo”.
Riteniamo importante, come PD e ancora di più come amministratori esprimere solidarietà al consigliere Catucci. Questo gesto, speriamo ascrivibile ad una gogliardia di cattivo gusto, ci indica come sempre costante debba essere l’azione di diffusione di una cultura della memoria, in particolare attraverso l’impegno dei cittadini con le istituzioni e nelle istituzioni.
A Renzo va la vicinanza del PD di Vignola e del gruppo consigliare, a cui siamo sicuri si aggiungerà tutto il Consiglio Comunale di Vignola

Il Consiglio Comunale di Vignola ha poi espresso una unanime solidarietà al Consigliere di Sassuolo Renzo Catucci.